Le bollicine di spumanti e prosecchi hanno quel tocco magico al palato che tanto ci piacciono e che portano alla mente i momenti di festa o gli attimi conviviali che amiamo concederci maggiormente.

Sicuramente ti sarà capitato, al momento di scegliere la bottiglia giusta, di leggere in etichetta parole quali “Dry “, ”Extra Dry“, “Brut” o ”Extra Brut“. Qual è la differenza e perché dovresti comprenderne a pieno il significato?

Oggi ci immergeremo in questo mondo di bollicine tutto da scoprire, aiutandoti a scegliere lo spumante giusto per brindare e accompagnare i tuoi piatti preferiti.

 

Cosa significano “Dry” o “Extra Dry”, “Brut” ed “Extra Brut”?

La differenza tra “Dry“, “Extra Dry” e “Brut” è nella quantità di zucchero naturale che permane successivamente alla fermentazione, il cosiddetto “residuo zuccherino”.

Questa classificazione ci offre degli indizi su quanto il prodotto che stiamo valutando sia dolce o meno, così da poter scegliere senza timore di sbagliare in base al nostro gusto, aspettative o necessità di abbinamento.  Vediamo di seguito le tre differenti classificazioni e cosa le differenzia.

 

Cosa significa “Dry”?

La classificazione “Dry” in etichetta identifica la tipologia di prosecco o spumante in grado di regalare una piacevole sensazione di “dolcezza” al palato, con un residuo zuccherino che va dai 17 ai 32 grammi per litro. È importante rispettare la temperatura di servizio di un Dry, così da mitigare il suo spirito senza inibirne le tipiche note fruttate.

 

Cosa significa “Extra dry”?

Un Extra Dry è più “asciutto” del precedente. Il suo sapore è dolce e morbido al tempo stesso, mentre il perlage è persistente e delicato. Quindi, se ti piacciono le bollicine un pò dolci ma non troppo, questa potrebbe essere la scelta giusta per te, anche per quel che riguarda il prosecco per un aperitivo dato che al momento è tra i preferiti in assoluto per questo momento della giornata. Un Extra Dry contiene un residuo zuccherino  che va dai 12 ai 17 grammi per litro.

 

Cosa significa “Brut”?

“Brut” è una classificazione che indica che il prodotto ha meno di 12 grammi di zucchero per litro (la concentrazione più bassa). È appena fruttato e lievemente acidulo, un gusto deciso in grado di esaltare ogni portata.

 

Cosa significa “Extra Brut”?

Un “Extra Brut” ha un residuo zuccherino che va da 0 a 6 grammi per litro, ed in bocca è asciutto al punto giusto con spiccate note acidule,  il che lo rende perfetto per accompagnare l’intero pasto.

 

In conclusione, come appena visto la classificazione avviene sulla base di quello che è il residuo zuccherino del prodotto, e già dalle indicazioni presenti in etichetta possiamo comprendere se questo sia più o meno dolce o secco in base alle nostre preferenze e abitudini di consumo.

Qual è Il tagliere perfetto da accompagnare con un buon bicchiere di Prosecco? Quali pietanze sono più indicate e maggiormente in grado di regalarti una buonissima esperienza?

Partiamo Innanzitutto con il dire che quello dell’aperitivo è un piacevole momento della giornata che tutti amiamo concederci; davanti ad un bel tagliere ed un bicchiere di bollicine è più piacevole concludere la giornata e prepararsi alla cena, magari in compagnia di amici o delle persone che ci fanno stare meglio.

Ci sono diverse cose che possiamo prevedere all’interno del nostro tagliere per creare un abbinamento perfetto con un buon bicchiere di Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, vediamo insieme quali.

 

Il finger food

Se non lo hai ancora fatto, dovresti provare ad abbinare Anno Zero Extra Dry e preparazioni quali crackers con gorgonzola e salmone affumicato, una vera delicatezza. Puoi anche cimentarti nel preparare delle ottime polpette di baccalà, da servire calde e croccanti.

Se ami il pesce puoi pensare anche ad una preparazione che preveda gamberetti rosa e tocchetti di polpo da servire all’interno di una croccante sfoglia dalla forma rotonda. Per una preparazione più veloce, ma non per questo meno delicata, potresti pensare a degli ottimi crostini di pane alle noci con formaggio di capra, fettine di crudo e marmellata di fichi.

 

Salumi e formaggi

Se vuoi andare più sul classico e proporre ai tuoi ospiti un buonissimo tagliere di salumi e formaggi potresti pensare ad esempio a dell’ottimo gorgonzola o del formaggio erborinato. Anche in questo caso Extra Dry è perfetto, dato che consente anche di pulire la bocca dalla sensazione di grassezza regalando al tempo stesso una piacevole sensazione dolce che contrasta l’amaro del formaggio.

Potresti pensare inoltre di mettere nel tuo tagliere del salame, del prosciutto crudo magro o dello speck: in questo caso è perfetto l’abbinamento con il Bade Rosso che consente di sgrassare il palato mantenendo un equilibrio perfetto tra i sapori, così che nessuno vada a prevalere sull’altro.

Il rosso è un’ottima soluzione anche nel caso in cui tu decida di portare in tavola dei crostini con del lardo di colonnata, considerando che questo tipico prodotto è marcatamente untuoso ed un buon rosso è tipicamente in grado di sgrassare il palato. Se ami invece i formaggi stagionati, potresti optare per dell’ottimo Caciocavallo così come l’Asiago o il Montasio, i quali si sposano benissimo con un non filtrato bianco da servire fresco.

 

Il tagliere perfetto: le regole d’oro

Giocare a creare il tagliere perfetto piace a tutti, soprattutto per la convivialità e leggerezza che questo momento della giornata è in grado di regalare.

Come linea generale basta ricordare che per prodotti più untuosi, così come per i salumi, è bene pensare ad un rosso che sia abbastanza strutturato. Per i formaggi a pasta molle o erborinati un bianco fresco è invece da preferire grazie anche ai sentori vellutati e fruttati che ben si sposano con la delicatezza del formaggio.

Per il resto basta avere un po’ di creatività in cucina e scegliere ingredienti freschi e genuini per un tagliere perfetto.

In una recente intervista, il presidente del Consorzio di Tutela Del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG,  Innocente Nardi, ha evidenziato come queste prestigiose bollicine abbiano superato un 2020 così difficile riuscendo a confermare lo stesso trend del 2019 in fatto di vendite.

Il Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg si colloca dunque tra le bottiglie italiane più richieste nel mondo, e questa tendenza è confermata anche dall’andamento del primo trimestre 2021.

Al Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG viene anche riconosciuto il merito di essere stato in grado di ampliare il pubblico dei consumatori, facendo avvicinare a questo prodotto anche persone più giovani diventando a tutti gli effetti la punta di diamante di questo settore.

L’annata 2020

conegliano valdobbiadene annata 2020

L’annata 2020 ha fatto registrare un Inverno con temperature che sono rientrate nella media stagionale, seguito da una Primavera poco piovosa e da una Estate mite: queste condizioni hanno conferito al prodotto una ottima freschezza al calice.

Ogni annata è infatti diversa dalle altre e le variabili in gioco sono in grado di incidere sulla percezione e sulla qualità della produzione.

Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg: quali le bottiglie preferite?

 

ZeroNove prosecco superiore docg brutIn particolar modo il Brut ZeroNove è il prodotto che di solito il cliente preferisce per accompagnare l’intero pasto. I profumi sono di frutta fresca (mela verde e pera) e note floreali (acacia e glicine), con fresca acidità.

I profumi fruttati del Brut ZeroNove lo rendono perfetto per ogni tipo di portata, esaltando in particolar modo gli antipasti ed i piatti di pesce e verdure. La sua persistenza ed il sapore morbido, uniti ad una piacevole freschezza acidula, fanno si che queste bollicine possano sposarsi alla perfezione anche con i primi piatti.

 

 

annozero prosecco superiore conegliano valdobbiadene

AnnoZero Extra Dry presenta invece un perfetto equilibrio tra zuccheri e acidità, un gusto fresco e vivace dal finale persistente e fruttato.

La sua morbidezza lo rende perfetto sia per un aperitivo indimenticabile che per accompagnare delicati antipasti, frutti di mare, formaggi freschi, sughi e carni bianche.

 

 

Sempre più dunque, i consumatori tendono a premiare le bollicine dell’area del Conegliano Valdobbiadene: il territorio conferisce infatti al prodotto finale caratteristiche organolettiche uniche, e la qualità della produzione è oggi ampiamente riconosciuta.

Il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg si sposa perfettamente con i sapori veneziani, tradizioni millenarie di un popolo la cui cucina è ricca di piatti a base di pesce facili da preparare. Vediamone insieme alcuni tra i più famosi e gli abbinamenti perfetti che possono esaltare ogni sapore.

Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore: gli abbinamenti perfetti con i piatti tipici veneziani

 

  • Frittura (o “Fritto Veneziano”): piatto di pesci di piccola taglia che vengono fritti dopo essere stati passati in farina. È una frittura resa particolarmente croccante dall’aggiunta di uno o due cucchiai di farina di polenta a quella bianca. Tipicamente troviamo in questo piatto delle code di gamberi, anelli di calamaro, triglie di fango e moeche (piccoli granchietti di laguna).

Abbinamento consigliato: Con questo piatto è bene abbinare il Brut ZeroNove Millesimato, un prodotto con una buona acidità e molto fresco, ideale per accompagnare la frittura con la sua delicatezza e basso livello di zuccheri.

 

  • Polenta e schie, probabilmente l’antipasto più tipico della cucina veneziana. Si tratta di gamberetti grigi di laguna, dunque un piatto “povero” ma oggi molto ricercato, serviti con polenta bianca. Le schie possono essere lessate e successivamente sgusciate, o in alternativa fritte sebbene la versione tipica sia quella con la polenta.

Abbinamento consigliato: Per accompagnare questo piatto serve un prosecco con note più rotonde, uno che crei armonia ed equilibrio come AnnoZero Extra Dry Magnum, un prodotto fresco e molto profumato che si sposa perfettamente con questo piatto, esaltando la sapidità delle schie.

 

  • Peoci (cozze gratinate), uno dei piatti più famosi della tradizione veneziana. Nella preparazione viene aggiunto un cucchiaio di pastella (pangrattato, formaggio e uovo) dentro ogni mollusco prima di infornarli.

Abbinamento consigliato: Per le peoci è perfetto AnnoZero Extra Dry grazie al suo ottimo equilibrio tra zuccheri e acidità, ed il cui finale particolarmente sapido e fruttato è perfetto per esaltare il sapore dei molluschi.

 

  • Moeche fritte, ovvero un piccoli granchi di laguna che vengono pescati nel momento in cui fanno la muta e abbandonano il loro carapace. Si trovano per questo al ristorante solo in due periodi all’anno, in Primavera e in Autunno, e vengono fritti dopo essere stati immerse in una pastella di farina e uova.

Abbinamento consigliato: le moeche rappresentano l’eccellenza e l’essenza stessa della cucina veneziana, e per accompagnarle bene è perfetto il Rosa Brut Vino Spumante, un prodotto armonico ed equilibrato in grado di creare una esplosione di sapori in bocca.

Le bottiglie di Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg sono dunque perfette per accompagnare questi piatti, tipici della cucina veneziana, oggi presidio Slow Food.

Il prosecco è uno dei vini italiani più famosi e apprezzati nel mondo sia per le sue caratteristiche organolettiche che per la versatilità. Ciò gli consente di poter essere servito a tavola durante tutto il pasto, oltre che ad essere perfetto per un aperitivo.

Il Prosecco di Conegliano Valdobbiadene, coltivato esclusivamente nella zona compresa tra Conegliano e Valdobbiadene, è probabilmente il prodotto più famoso e ricercato,  perfetto per accompagnare pietanze di ogni tipo esaltandone il gusto.

 

Prosecco e pesce: gli abbinamenti

prosecco e pesce quali abbinamenti

Per quel che riguarda l’abbinamento tra prosecco e pesce in particolare, il prosecco di Valdobbiadene si sposa alla perfezione con diverse varietà di pesce come ad esempio la spigola o l’orata, polpo, insalate di mare e aragosta così come crostacei, scampi, gamberi e capesante. È ottimo anche per accompagnare il pesce crudo come nel caso di un carpaccio.

 

Finger food di pesce

finger food di pesce

Se stai pensando ad un aperitivo sfizioso e delicato con un buon sapore di mare, ci sono diverse pietanze che puoi preparare e pasteggiare assieme ad un bicchiere di buon Prosecco di Valdobbiadene.

Pensa ad esempio ai bocconcini di gamberi, dei crostini con salmone e asparagi, dei delicatissimi involtini di salmone e rucola, dei mini hamburger di tonno, una esotica insalata di gamberi o un trionfo di capesante. Con il prosecco e pesce fresco farai felici i tuoi ospiti ed salterai ogni sapore grazie alle vivaci bollicine, un sorso dopo l’altro.

 

Prosecco e cruditè: abbinamento perfetto

crudite e prosecco

Il Prosecco di Conegliano Valdobbiadene è notoriamente perfetto per esaltare cruditè quali ostriche, fasolari, gamberoni, scampi e altri frutti di mare. Il suo gusto delicato e al tempo stesso secco è in grado di equilibrare perfettamente la sapidità di questi alimenti, andando ad esaltarne i sapori. Lo apprezzano particolarmente anche gli amanti del sushi, per un abbinamento perfetto.

Un altro connubio particolarmente indovinato tra prosecco e pesce è quello relativo al salmone. Basta un pò di fantasia per poter preparare degli ottimi finger food in forno, perfetti da gustare sorseggiando un buon bicchiere di Prosecco.

 

Primi e secondi piatti a base di pesce

abbinare pesce e prosecco conegliano valdobbiadene

Il Prosecco di Valdobbiadene, grazie al suo gusto così delicato ed equilibrato, è perfetto per accompagnare primi piatti a base di pesce quali risotti e spaghettate, così come secondi piatti dalle cotture semplici. Pensa ad esempio a delle buonissime orate o spigole al forno, così come un buon dentice o ricciola.

Questi piatti dai sapori così persistenti e mediterranei si sposano alla perfezione con tutta la freschezza e la delicatezza del Prosecco di Valdobbiadene, al profumo di agrumi e note di fiori bianchi. Il connubio tra prosecco e pesce è la scelta perfetta per stupire gli amici ed esaltare il sapore di ogni portata.

L’Italia è tra i più importanti produttori di formaggi al mondo, e questo prodotto è dunque protagonista in cucina ed in tavola. Da sempre esso è simbolo di convivialità e per questo lo serviamo in tavola soprattutto nelle grandi occasioni.

Dagli antipasti al dolce, le ricette che prevedono la presenza del formaggio sono davvero tante, e abbinandolo ad un buon bicchiere di Prosecco di Valdobbiadene è possibile celebrarlo come merita.

In particolar modo, il Prosecco Millesimato ZeroNove Valdellövo è in grado di valorizzare alla perfezione le caratteristiche di ogni formaggio grazie alla versatilità che lo contraddistingue. Esso infatti non ne copre il buon sapore, ma al contrario lo esalta evidenziandone gli aromi tipici e lasciando al palato un persistente sentore fruttato.

ZeroNove prosecco superiore docg brut

Prosecco Millesimato ZeroNove Valdellövo

Inoltre, i formaggi freschi o quelli realizzati con latte di capra sono perfetti per essere accompagnati da un buon bicchiere di Prosecco Millesimato, il quale è in grado di contrastare la tipica sapidità del buon latte di capra.

Il camembert

camembert abbinamento prosecco

Le note fruttate del Prosecco di Valdobbiadene sono perfette per accompagnare il buon sapore del camembert, due sapori che si intrecciano alla perfezione senza coprirsi l’un l’altro.

Formaggi alle erbe

formaggi abbinare prosecco conegliano valdobbiadene

I formaggi alle erbe, ottimi da gustare se accompagnati con del pane particolare, si sposano benissimo con il prosecco andando a contrastare la sensazione grassa che li caratterizza. Per una esperienza ancora più ricca è possibile abbinare della mostarda di frutta o miele di castagno.

Il groviera

groviera e formaggi da abbinare al prosecco

La densa consistenza del groviera ed il suo sapore tipico dei formaggio di montagna sono perfetti da accompagnare ad un buon bicchiere di Prosecco in grado di evidenziare la dolcezza di questo formaggio. È possibile servire la groviera da sola o come parte di un piatto a base di formaggio, come ad esempio dei morbidi crostini o una fonduta in cui la groviera è protagonista. In entrambi i casi è possibile avere un’esperienza perfetta sorseggiando un buon prosecco tra un morso e l’altro.

Formaggi a pasta morbida o cremosa

formaggi a pasta morbida

L’esperienza di accompagnare il formaggio a pasta cremosa con un buon bicchiere di Prosecco di Valdobbiadene è assolutamente consigliata a quanti desiderano esaltarsi con il gusto e le buone sensazioni che questo abbinamento regala al nostro palato. Tali formaggi sono tipicamente burrosi e perfetti da spalmare, con un sapore particolarmente delicato che li caratterizza. Le bollicine di un buon prosecco sono in grado di bilanciare perfettamente la cremosità che tale formaggio rilascia in bocca.

Dunque quello di abbinare un buon Prosecco di Valdobbiadene al tuo formaggio preferito è chiaramente uno dei piaceri della buona tavola, a te la scelta!

prosecco da aperitivo quale scegliere

Quale prosecco da aperitivo scegliere per una esperienza ancora più piacevole? Il nostro paese è ricco di tradizioni, ed il buon bere non fa chiaramente da eccezione. Sicuramente quello dell’aperitivo è un momento tra i più attesi della giornata, una parentesi che offre il giusto ristoro in buona compagnia al termine di una giornata lavorativa.

A rendere migliore questa esperienza influisce chiaramente la scelta sul prosecco da aperitivo da sorseggiare. Vediamo allora di seguito come scegliere bene il prosecco per l’aperitivo!

Quale prosecco da aperitivo scegliere?

tagliere con salumi olive e formaggi

Quando si tratta di bere bene non esiste una regola valida per tutte le occasioni, ma è il gusto a guidare le nostre decisioni anche nel momento della scelta del prosecco da aperitivo. Quello italiano è notoriamente “ricco” e prevede solitamente del finger food (dai fritti di pesce agli sformatini), crostini e vari prodotti da forno, stuzzichini e insalate.

Si tratta chiaramente di cibi leggeri e porzioni ridotte dato che parliamo di un pre-cena, e dunque qualcosa destinato a stimolare l’appetito. Vediamo allora come accompagnare al meglio queste prelibatezze durante l’aperitivo, tenendo conto che i vini che seguono possono essere protagonisti anche a tavola accompagnando l’intero pasto.

AnnoZero Extra Dry

 

annozero prosecco superiore conegliano valdobbiadene

AnnoZero Extra Dry è un Prosecco Superiore DOCG Millesimato dall’aroma delicato ed elegante, con note di pesca e mela verde. Il suo gusto particolarmente fresco e vivace lo rende ideale per ogni aperitivo, ed è perfetto se scelto per accompagnare antipasti, formaggi e carni bianche così come frutti di mare e sughi. La colorazione è il tipico giallo paglierino con riflessi verdognoli, mentre la temperatura di servizio è di 4-6° C.

AnnoZero Extra Dry Magnum

 

annozero magnum prosecco

 

AnnoZero Extra Dry Magnum è un Prosecco Superiore DOCG Millesimato morbido ed elegante, con un ottimo equilibrio tra zuccheri e acidità, dal finale fruttato e persistente. All’olfatto si presenta particolarmente avvolgente e delicato, con note di fiori bianchi e pesca. Queste caratteristiche ne fanno un prosecco da aperitivo perfetto, ideale per accompagnare stuzzichini e antipasti delicati, così come formaggi, frutti di mare e carni bianche. La temperatura di servizio è di 4-6° C.

ZeroNove

ZeroNove brut docg

Il Brut Superiore ZeroNove è un prosecco millesimato a lenta fermentazione, dalla struttura equilibrata con il tipico aspetto giallo paglierino. All’olfatto è fresco e delicato, con note di pera e mela verde, mentre il gusto è particolarmente morbido e aromatico. È il prosecco perfetto per accompagnare un aperitivo con ogni tipo di antipasti, nonché portate a base di pesce o verdure. Il suo sapore persistente e morbido lo rende ideale anche per accompagnare l’intero pasto. La temperatura di servizio è di 4-6° C.

In conclusione, il momento dell’aperitivo (che molti sono soliti chiamare “happy hour”), è una parentesi che sempre più persone avvertono la necessità di concedersi. Si tratta al tempo stesso di una occasione golosa in quanto vi è la possibilità di assaggiare determinati manicaretti che vanno ben oltre le classiche noccioline che caratterizzavano gli aperitivi di una volta.

Oggi le aspettative sull’aperitivo sono molto più alte e per questo l’offerta gastronomica si è ampliata proponendo pietanze realmente in grado di esaltare il palato, e per questo motivo diventa ancora più importante individuare il prosecco da aperitivo perfetto per esaltare ogni sapore.

Questa è solo una piccola anteprima. Visita la nostra pagina shop in cui trovi la nostra selezione completa di Prosecco Conegliano Valdobbiadene DOCG.

50 anni di tutela 1969-2019, Consorzio Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore

Il Consorzio Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore festeggia i suoi 50 anni di Tutela. Conferma il suo legame con il territorio che va da Valdobbiadene a Conegliano e il suo vino di vocazione, il Prosecco Superiore docg.

Valdellovo è Socio del Consorzio di Tutela